Affollata e qualificata partecipazione al Palazzo della Cooperazione di Confcooperative Emilia Romagna a Bologna per il convegno “Cooperazione internazionale allo sviluppo: la nuova legge e le opportunità al primo bando riservato alle imprese”. L’evento, promosso da Coopermondo (ONG del sistema Confcooperative) in collaborazione con l’Alleanza delle Cooperative Italiane, Confindustria e con il patrocinio dell’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (Aics), ha illustrato ai numerosi imprenditori e cooperatori presenti le novità introdotte dalla legge 125/2014 per la cooperazione.

In particolare, è stata annunciata per la fine di luglio 2017 l’emanazione da parte dell’Aics del primo bando, relativo alla legge 125/2014, rivolto a tutte le imprese profit. La disponibilità complessiva di questo primo bando è di 5 milioni di euro, fondi assegnati dal Ministero degli Esteri e della Cooperazione Sociale all’Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo. Queste risorse sono messe a disposizione delle aziende intenzionate ad avviare progetti imprenditoriali nei Paesi in via di sviluppo, e saranno erogate sotto forma di co-finanziamento per un importo massimo di 200.000 euro per ogni progetto.

“Chiediamo agli imprenditori di sottoporci idee imprenditoriali da implementare nei Paesi in via di sviluppo partendo da alcuni settori prioritari come agricoltura, sicurezza alimentare, educazione, formazione, cultura, sanità, diritti, equità” ha spiegato Giovanni Luigi Grandi della Aics.

“Le imprese per partecipare dovranno aderire ai principi del Global Compact delle Nazioni Unite” ha sottolineato Danilo Salerno, direttore di Coopermondo che coordina il Gruppo di Lavoro dedicato alle imprese presso il Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale. “Il nostro Gruppo di Lavoro – ha aggiunto Salerno – ha elaborato questi criteri in modo condiviso, confrontandosi a lungo e fornendo la più ampia partecipazione delle imprese per dare diretta applicazione alla nuova legge sulla cooperazione internazionale”.

“L’iniziativa odiernaha aggiunto Francesco Milza, presidente Alleanza delle Cooperative Italiane Emilia Romagna – ha l’obiettivo di fare conoscere le caratteristiche e le potenzialità di questo primo bando legato alla legge 125/2014, facendo un monitoraggio delle imprese e delle cooperative interessate a partecipare e a cogliere questa occasione”.