Tag: Capo Verde

Coopermondo, a Capo Verde, al 1 Forum sulla scarsità dell’acqua in agricoltura

Il cambiamento climatico ci sta mettendo davanti all’evidenza che le siccità aumenteranno e saranno più prolungate. Lo sa bene l’Italia, dove la siccità negli ultimi anni sta minacciando gravemente l’agricoltura  Lo sa ancora meglio Capo Verde dove non piove da più di due anni e le preoccupazioni per l’accesso all’acqua sono quotidiane.

Oggi, 22 marzo, giornata mondiale dell’acqua, Coopermondo è al Primo Incontro Internazionale sulla Scarsità dell’Acqua in Agricoltura (WASAG),organizzato con il sostegno del governo di Capo Verde, dei governi di Italia (Mipaaft) e Svizzera, del Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo IFAD e dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura FAO.

I membri del WASAG oggi hanno lanciato la dichiarazione di Praia in cui si impegnano ad agire urgentemente per diffondere pratiche di irrigazioni efficienti e incoraggiare tecnologie innovative adattate alle condizioni locali di ciascun territorio.

Inoltre, i partecipanti al 1 ° Forum internazionale WASAG, chiedono ai paesi e alle parti interessate di tutto il mondo di adattare con urgenza i loro sistemi agricoli e alimentari per mitigare gli impatti della carenza idrica e dei cambiamenti climatici e migliorare la sicurezza alimentare e idrica a livello globale.

In un mondo dove 1,2 miliardi di persone soffrono la scarsità di acqua; dove il 69% dell’acqua consumata viene adoperata con fini agricoli e dove solo il 27% utilizza micro-irrigazione efficiente, è nostro dovere contribuire promuovere una cultura dell’uso sostenibile dell’acqua.

A Capo Verde, formando cooperatrici e cooperatori nelle comunità di Ribeira dos Saltos

Nell’ambito dell’accordo stipulato con il Programma PoserPrograma para a Promoção das Oportunidades Sócio-económicas Rurais, dal 1 al 14 Febbraio si è svolta la seconda missione di COOPERMONDO a Capo Verde, nell’isola di Santiago.
Seguendo un approccio partecipativo che parte dal basso, la missione è stata organizzata a partire dal diagnostico antropologico realizzato dalla  dott.ssa Rosa Tolla, che si era recata nella zona rurale del Municipio di Santa Cruz a Novembre 2018. La presenza dell’antropologa in questa fase è stata fondamentale per la mediazione sul campo e per elaborare una strategia di lavoro adeguata alla compagine sociale della comunità di Ribeira dos Saltos,
Direzionate dalla dott.ssa Noemi Spagnoletti sono state realizzate sette formazioni utilizzando la metodologia Think.Coop promossa dall’International Labour Organization (ILO) tramite la quale vengono analizzati in maniera partecipativa i principi cooperativi e come scegliere se un’impresa cooperativa può essere vantaggiosa per migliore il proprio lavoro e reddito. Nel caso specifico il manuale è stato tradotto in lingua portoghese per la formazione di 15 tecnici locali, di cui una parte ha avuto l’opportunità di fare training sul campo ad un totale di 40 beneficiari (donne, uomini e giovani agricoltori), riproponendo il percorso formativo in lingua creola.
Parallelamente è continuata la raccolta dati etnografica, con l’ampliamento della rete di contatti tessuta con le comunità rurali del Municipio di Santa Cruz. In questa occasione si è data priorità all’approfondimento delle condizioni lavorative e dello stato di attività di alcune realtà associative e cooperative presenti sul territorio. L’enorme difficoltà che queste devono affrontare è la mancanza di acqua dovuta alla forte siccità che affetta il paese da circa cinque anni, rendendo le condizioni di lavoro ardue. Affrontare il problema in gruppo, costituisce un valido sostegno morale per le comunità rurali.

“Cooperativa è uma oportunidade de transformar uma pequena coisa em uma grande coisa. Unidos somos mais forte!” – agricoltore della cooperativa COOPARP.